GAGGIANO – Venerdì 12 aprile, presso il centro sociale sanitario di Gaggiano, la lista civica “Rilanciamo Gaggiano” ha presentato il suo candidato sindaco Enrico Baj e i suoi collaboratori, in vista delle elezioni di maggio. All’appuntamento delle 21 non sono mancati certo i concittadini, salone completamente occupato con alcune persone costrette a stare tra le porte dell’entrata.
Baj è nuovo sulla scena politica gaggianese, quello di questi mesi è il suo primo impegno politico nel Comune, ma da anni ormai è impegnato a livello politico locale con il centrodestra. Come verrà spesso ricordato da più esponenti della lista, il fatto che sia nuovo e relativamente giovane, visti i suoi 40 anni, sarà certamente un valore aggiunto per la guida del Comune. Cresciuto e residente con famiglia a Gaggiano, laureato in Architettura, impegnato nel settore dell’arredamento e della ristrutturazione, Baj presentandosi non nasconde una certa emozione davanti a tanti amici, conoscenti e concittadini. Parole d’ordine della nuova compagine: “Ascolto e Sicurezza”. Soprattutto sul primo termine ci si è soffermati. Baj e i suoi colleghi di lista non hanno mancato di denunciare un certo isolamento e disinteresse nei confronti dei cittadini da parte del sindaco in carica Sergio Perfetti, per questo motivo vogliono puntare su un maggiore ascolto dei cittadini e “riportare un certo senso di comunità all’interno di Gaggiano”, riuscendo a far integrare i nuovi abitanti con quelle storici, andando a creare una sinergia utile per trovare tutt’insieme soluzioni costruttive e propositive per la cittadina.
Il candidato sindaco ha scelto di non occupare questo primo incontro andando a dettagliare il programma, comunque consegnato ai presenti in forma cartacea, Baj, dopo la sua presentazione e alcuni accenni al programma e alla sua idea di politica locale, ha lasciato spazio a tutti gli esponenti della sua lista, i quali si sono presentati con entusiasmo e hanno sintetizzato la via verso la quale vorrebbero indirizzare il loro Comune. Un mix di tanti giovani ed esponenti con esperienza, quest’ultimi utili e volenterosi nell’aiutare e supportare il loro giovane candidato che promettono: “Sa ascoltare ed aggregare; impara molto in fretta”.
Questi i nomi dei colleghi di lista: Valentina Aceti 27 anni praticante avvocato, Luca Asta 38 anni insegnante e direttore tecnico sportivo, Gianluca Bianchi 57 anni, vicesindaco ed assessore per 10 anni e oggi consigliere di opposizione, Daniele Bonomi 62 anni, dal 2004 al 2014 assessore Pubblica istruzione, Eleonora Bortolotto 49 anni, volontaria a tempo pieno, Piero Chiappano 51 anni, manager risorse umane, Arianna Frigè 28 anni, imprenditrice, Valentina Liso 31 anni, consulente legale, Antonio Pantaleo 48 anni, agente assicurativo, Elena Semeraro 33 anni, avvocato, Emilio Sgaria 59 anni, bancario (in pensione), Fernando Uggeri 67 anni, imprenditore, giornalista, attivista della Lega. Tutta la squadra si è mostrata coesa nel voler dare una sterzata convinta al paese, andando ad agire su viabilità e trasporti, sicurezza e vicinanza ai cittadini, facendo dell’ascolto e del dialogo la loro arma in più. Altro progetto sarà quello di riuscire a riavvicinare i milanesi, andando a far rivivere le attrattive e le iniziative di Gaggiano. “Un buon amministratore non deve solo far quadrare i conti, deve saper spendere” sarà su questo concetto che andranno a lavorare gli esponenti della lista civica “Rilanciamo Gaggiano” spendere e investire in modo corretto e utile per la comunità, ascoltando le loro opinioni e cercando di intraprendere un percorso che non faccia sentire la politica lontana dal cittadino, ma anzi coinvolgendolo il più possibile nelle scelte che la maggioranza sarà tenuta a compiere. Un primo incontro di presentazione che pare, dall’entusiasmo dei presenti, aver convinto molti, nei prossimi incontri si andranno ad analizzare i termini del programma elettorale, come detto già consegnato in un formato cartaceo, dettagliato e chiaro nei suoi punti. La lista civica sarà appoggiata da compagini politiche di centrodestra come Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, Baj ha però rimarcato che la loro non è una lista politica o improntata sui valori strettamente legati a quei partiti, ma che il loro supporto sarà utile per trovare un appoggio e un sostegno a livello provinciale e regionale, teso a favorire

quelle iniziative che renderebbero Gaggiano più collegata e interessante per i Comuni limitrofi e per il capoluogo. Luca Cianflone

 

Views: 80