CASSINETTA DI LUGAGNANO – In occasione della XXIV giornata della memoria e dell’impegno in ricordo di tutte le vittime innocenti di mafia, lunedì 25 marzo 2019 alle 21 nella Sala polifunzionale del Comune di Cassinetta il giornalista e scrittore Fulvio Scaglione
presenterà il suo libro “Padre Pino Puglisi Martire di mafia”. Dialogano con l’Autore Paola Ornati, consigliera Comune di Cassinetta, e Lorenzo sanua, referente Presidio di Libera Sud-Ovest “Angelo Vassallo”. Incontro organizzato da Iniziativa Donna e L’altra Libreria, Comune di Cassinetta di Lugagnano, associazione Libera Sud-Ovest “Angelo Vassallo”.

Fulvio Scaglione, nato nel 1957. Giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 è stato vice-direttore del settimanale “Famiglia Cristiana”, di cui nel 2010 ha varato l’edizione on-line del giornale.E’ stato corrispondente da Mosca, ha seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l’Afghanistan, l’Iraq e i temi del Medio Oriente.Ha pubblicato i seguenti libri: “Bye Bye Baghdad” (Fratelli Frilli Editori, 2003) e “La Russia è tornata” (Boroli Editore, 2005), “I cristiani e il Medio Oriente” (Edizioni San Paolo, 2008), “Il patto con il diavolo” (Rizzoli, 2016), “Pino Puglisi, martire di mafia” (Edizioni San Paolo, 2018).
Continua a collaborare con Famiglia Cristiana ma anche con Avvenire, Eco di Bergamo, Limes, EastWest, e online con Occhi della guerra, L’Inkiesta, Eastonline e Terrasanta.Net.Ha ricevuto da “Sottosopra” nel febbraio di quest’anno il Premio Stefano Chiarini per aver il merito di raccontare da profondo conoscitore “sul campo” e fuori da ogni retorica, la complessa realtà del Medio Oriente. (*Stefano Chiarini giornalista de “il manifesto”, scomparso prematuramente nel 2007 dopo una vita dedicata al racconto del Medio Oriente e della Palestina). Paola Ornati. Classe 1983.
Laureata in Lettere Moderne e ha studiato tra gli altri con: Gabriele Vacis, Laura Curino, Lucilla Giagnoni. Ha collaborato con l’Associazione La Tribù di Abbiategrasso. Collabora con il Piccolo Teatro di Milano ed ha lavorato e scritto, tra gli altri, per: Franca Nuti e Giancarlo Dettori, Flavio Albanese, Giovanni Crippa, Gabriele Falsetta, Anna Galiena, Tommaso Minniti, Claudio Moneta, Anna Nogara, Marco Paolini, Roberta Petrozzi, Massimo Popolizio, Toni Servillo, Nando Dalla Chiesa. E’ membro e consigliere dell’Associazione Totem – La tribù delle arti di Magenta e insegnante e consulente artistica dell’accademia teatrale Teatro dei Navigli, realtà artistica di riferimento per il panorama teatrale del sud ovest di Milano.
Collabora con l’Ufficio Regia del Teatro alla Scala di Milano come Assistente alla Regia. Lorenzo Sanua, referente Presidio di Libera Sud-Ovest “Angelo Vassallo”.
Figlio di Pietro Sanua, venditore ambulante e presidente dell’Anva (Associazione nazionale venditori ambulanti) di Milano, assassinato a Corsico dalla mafia, all’età di 47 anni, il 4 febbraio di 18 anni fa. Grazie all’associazione Libera e a Nando dalla Chiesa nel 2010 il nome di Pietro Sauna è stato inserito nell’elenco delle vittime di mafia innocenti che ogni 21 marzo Libera legge nelle piazze italiane. Lorenzo si esprime così: “Penso alle parole che diceva Caponnetto: la mafia la puoi sconfiggere in due modi. La prima con l’applicazione della legge 109/96 (e cioè confiscare i beni e riassegnarli all’uso sociale) e la seconda è la cultura, non si può sconfiggere la mafia senza conoscerla. Un solo uomo non può fare la differenza così come non si può delegare la responsabilità solo a una parte della cittadinanza ma tutti dobbiamo diventare parte attiva del cambiamento”.

 

Views: 17