CISLIANO – All’interno del bene confiscato “La Masseria” di Cisliano, già quartier generale del clan​ Valle, si sta avviando un bellissimo progetto economico-sociale con al centro il cibo, l’ambiente e i diritti.

Già da qualche anno, anche in assenza di assegnazione definitiva, questa mega ex pizzeria è utilizzata per i campi di formazione giovani di Ucapte-Caritas di don Massimo Mapelli, per alloggio a famiglie sfrattate e per numerosi eventi di formazione culturale e iniziative contro la mafia e il razzismo (i ragazzi e le ragazze di don Massimo sono tutti giovani rifugiati…).

Ora si passa, tramite l’Associazione Fuorimercato e in collaborazione con il Comune di Cisliano, a un utilizzo pieno e permanente dello spazio con l’avvio di una Fiera Contadina settimanale con connesso avvio di ristorazione con i prodotti e i produttori del territorio. Fuorimercato è nata a sua volta dall’esperienza della vicina RiMaflow di Trezzano, fabbrica recuperata che in molti già conoscono, quella tra l’altro dell’Amaro Partigiano! Contestualmente viene lanciata la Campagna per il Luppoleto sociale che consentirà già fra qualche mese di produrre una birra artigianale con tutti i prodotti del territorio! Per la sera di venerdì 4 maggio alle ore 20 è organizzata in Masseria, via Cusago 2 Cisliano, una cena di presentazione pubblica, per poter divulgare questa significativa esperienza, visitando tutti gli spazi attrezzati. Info:

gigi.malabarba@gmail.com o per telefono/sms 335.1213067.

Views: 1033