ABBIATENSE – Parte dal cuore verde di Milano la grande sfida contro l’abbandono dei rifiuti, attraverso processi di monitoraggio Web-Gis (sistema informativo geografico pubblicato sul web), controlli mirati e operazioni di pulizia che mettono in rete enti, cittadini e forze dell’ordine.

Il Consorzio dei Comuni dei Navigli, nell’ambito della “Campagna di comunicazione e sensibilizzazione ambientale 2018”, ha presentato un sistema innovativo ed efficace per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti che potrebbe diventare un modello da seguire su scala nazionale. Il Consorzio, costituito da 21 Comuni, gestisce il ciclo integrato dei rifiuti in 20 Comuni consorziati dell’Ovest Milanese interessando le aree denominate Abbiatense, Magentino e Castanese per un bacino di circa 120 mila abitanti.

Ne fanno parte: Albairate, Arluno, Bernate Ticino, Besate, Bubbiano, Busto Garolfo, Calvignasco, Casorate Primo, Cassinetta di Lugagnano, Castano Primo, Cisliano, Corbetta, Cusago, Inveruno, Mesero, Morimondo, Nosate, Ozzero, Vanzaghello e Vittuone.

Nella sala consiliare del Municipio di Albairate lo scorso 26 giugno si è tenuto un tavolo tecnico, in cui ai sindaci dei comuni consorziati sono stati presentati tre progetti: il primo sul tema dell’abbandono dei rifiuti e del littering curato dalla società ARS Ambiente S.r.l. (Analisi, Ricerche e Servizi per l’Ambiente), il secondo e il terzo dalla società Ideal Service che riguardano rispettivamente la campagna contro le deiezioni canine nei luoghi pubblici e quella contro la dispersione dei mozziconi di sigaretta nell’ambiente che prevedono pure sentinelle ecologiche per il monitoraggio del territorio, con il compito di sorvegliare e proteggere lo spazio urbano dall’incuria, anche grazie al posizionamento e gestione di sistemi mobili di videosorveglianza.

All’evento, oltre ai saluti portati da Giovanni Pioltini (Sindaco di Albairate), sono intervenuti, tra gli altri: Carlo Ferrè (Presidente del Consorzio dei Comuni dei Navigli); Giorgio Ghiringhelli (Presidente di ARS Ambiente S.r.l.); Gabriele Verona (Vice Direttore Divisione Servizi Ambientali di Idealservice Soc. Coop.); Christian Migliorati (Direttore del Consorzio dei Comuni dei Navigli). “Il Consorzio continua a sviluppare e innovare il sistema di gestione integrata dei rifiuti urbani nell’Ovest Milanese, con risultati che lo stanno imponendo a livello nazionale tra le migliori realtà del settore.  – ha affermato il presidente Carlo Ferrè – È stata predisposta una campagna di comunicazione e sensibilizzazione con dei progetti che hanno lo scopo di contrastare in maniera efficace l’abbandono dei rifiuti, di formare gli operatori ed educare i cittadini al rispetto dell’ambiente. Anche in questo caso il Consorzio sta facendo da apripista elaborando un modello che potrebbe essere adottato su scala nazionale, essendo quello dell’abbandono dei rifiuti un gravoso problema che interessa tutte le comunità”. Con il termine inglese “littering” si indica un comportamento scorretto che vede i rifiuti di piccole dimensioni gettati o abbandonati con noncuranza nelle aree pubbliche, anziché negli appositi bidoni o cestini dell’immondizia, con gravi conseguenze sull’ecosistema, la salute dei cittadini e anche sui conti pubblici. L’abbandono dei rifiuti, per esempio, incide per lo 0,82 % sui costi complessivi del Consorzio per la gestione dei rifiuti (dato da consuntivo 2017). Il Consorzio dei Comuni dei Navigli ha espresso l’esigenza di costruire un progetto dedicato al monitoraggio, la prevenzione e il contrasto al fenomeno dell’abbandono rifiuti nelle sue diverse forme che prevede: attivazione sistema informativo (web + app) di monitoraggio da impiegare nelle aree geografiche di competenza che permette di segnalare tempestivamente micro discariche e di intervenire in maniera adeguata; ricognizione annuale delle modalità di gestione dei rifiuti abbandonati; verifica delle norme e della giurisprudenza applicabili alle differenti tipologie di abbandono; specifiche modalità di  intervento per contrastare le principali fattispecie di abbandoni; razionalizzazione delle modalità di gestione dei rifiuti rinvenuti; costituzione “tavolo abbandono rifiuti” tra Consorzio e Amministrazioni comunali; azioni di formazione, sensibilizzazione e comunicazione. Giorgio Ghiringhelli ha rilevato che l’abbandono dei rifiuti si affronta con la testa (comunicazione e informazione), il cuore (educazione e cultura ambientale, senso civico) e la pancia (controllo e sanzioni). Nell’Ovest Milanese, attraverso le azioni del Consorzio dei Comuni dei Navigli, è stato compiuto un altro importante passo per rispettare l’ambiente e salvaguardare la salute dei cittadini.

 

 

Views: 52