ABBIATEGRASSO – L’associazione Emergenza e Solidarietà del Comune di Abbiategrasso con una ventina di altri gruppi di volontari si è rivelata ancora più preziosa durante la pandemia. In conferenza stampa (registrata in diretta Facebook dall’Eco), mercoledì mattina, ne hanno parlato, presente il sindaco Nai, Alberto Gornati presidente e Valter Bertani tra i più attivi componenti.  Alberto Gornati ha ricordato che “l’associazione è nata nel 2015 per far fronte a situazioni di emergenza dovute a calamità naturali anche internazionali. L’associazione è nata con lo spirito di non disperdere le energie e raccogliere il contributo di tutti. Era diventata una necessità, tanto più lo è ora con la pandemia. In marzo ci siamo confrontati con il sindaco per capire come fare. L’ultima volta che ci eravamo attivati, con altri Comuni avevamo contribuito, donando 23.000 euro, alla realizzazione di un centro sociale ad Accumuli, dopo il terremoto. Con l’arrivo della pandemia abbiamo riaperto una raccolta fondi tramite il sito del Comune. Emergenza e Solidarietà ha contribuito con 34.000 euro, ne ha spesi 20.000 per acquistare i dispositivi individuali di protezione: mascherine e kit usa e getta. Dalla città gemellata di Ellwangen, che ha fatto la parte del leone, sono arrivati in 3 tranches 13.263,99 euro e ci è stato donato anche del materiale per una cifra equivalente a ca.12.000 euro, materiale che è andato personalmente a prendere in Germania, Valter Bertani. Chi abbiamo assistito? – ha continuato Gornati – Abbiamo contattato le realtà più esposte del territorio per conoscere le loro esigenze”. La lista nominata da Gornati è molto lunga e comprende  Polizia Locale, ospedale, Auser, Protezione Civile, Medici di base, Istituto Golgi, Rsa, Guardia di Finanza, Samaritani, Il Portico della solidarietà, Caritas, Carabinieri e altri ancora. A settembre sono state acquistate derrate alimentari per 3.000 euro, destinate alla Caritas a cui Ellwangen ha versato direttamente altri 6.000 euro. Nel dettaglio, Emergenza e Solidarietà ha procurato 5.600 mascherine chirurgiche, 2.280 FFP2, 1.750 Kit usa e getta, 150 l. di disinfettante, 6.200 paia di guanti, 800 tute. Anche la Protezione Civile a marzo ha usufruito delle mascherine dell’associazione, così come  Carabinieri e  Guardia di Finanza  che avevano mascherine fatte in casa. Valter Bertani è entrato infatti ancora più nel dettaglio e ha spiegato di come ha operato per conoscere le esigenze di tutti e per reperire il materiale. Ad esempio, ha detto: “I Kit che ci ha procurato Ellwangen, erano disponibili per gli ospedali tedeschi, siamo riusciti ad acquistarli grazie a un amico farmacista… Era un periodo in cui il materiale di questo tipo veniva sequestrato in dogana, per evitarlo sono andato più volte personalmente a prenderlo in Germania. Il sindaco di Ellwangen ci ha fatto avere anche 144 bottiglie di olio extravergine, consegnate alle nostre associazioni perché vengano distribuite nei pacchi alimentari. Alla Croce Azzurra sono stati dati i Kit monouso, in media ne utilizzano 18 al giorno… Ora la situazione è più tranquilla ma i fondi sono terminati, per questo l’appello è, chi può, continui a donare perché l’emergenza non è terminata e i bisogni aumentano”. Come si legge sul sito del Comune di Abbiategrasso: “Per supportare l’Associazione è possibile effettuare una donazione al seguente Iban: IT38D0103032380000010120820 – Banca Monte dei Paschi di Siena – Filiale di Abbiategrasso – intestato a Associazione Emergenza e Solidarietà. I fondi raccolti saranno destinati all’acquisto di materiale sanitario  per i volontari della nostra città impegnati nelle attività di assistenza di vario tipo”. E.G.

Views: 149