ALBAIRATE – La lista civica “ Vivere Albairate” ha presentato il suo candidato sindaco in vista delle prossime elezioni. La lista, già al governo del Comune con Giovanni Pioltini, ha sciolto le sue ultime riserve candidando Flavio Crivellin come successore di Pioltini.
I cittadini di Albairate hanno potuto conoscere meglio Crivellin, già assessore al Bilancio, nella presentazione di martedì 9 aprile al Centro Anziani di via Alla Brera.
A lanciare la volata del nuovo candidato è proprio il sindaco Pioltini, che ha manifestato il suo totale sostegno al collega di lista e a tutti i suoi collaboratori: “La storia di questa lista continua, una bella storia di 20 anni, passione impegno e coinvolgimento di tutte le persone che ci hanno circondato. I valori che ha speso in questi anni Vivere Albairate sono stati valori dedicati esclusivamente ai cittadini di Albairate. Sono stato onoratissimo di esser stato sindaco per questi cinque anni e sono felice che Flavio prosegui questo nostro cammino fatto di successi e buona gestione”. Crivellin ha iniziato la sua presentazione dando poi il via ad un dialogo fitto e diretto con il pubblico presente. Il candidato ha riassunto il suo percorso politico di più di dodici anni e la scelta, sua e della lista, di intraprendere con convinzione e responsabilità questa strada: “Io da questo paese ho ricevuto molto, è forse più quello che ho ricevuto, rispetto a quello che ho dato, quindi adesso credo sia il momento di restituire tutto con il mio impegno in prima persona. Il ruolo del sindaco è un ruolo guida, credo riuscirei ad interpretarlo al meglio e a dare quei riferimenti certi che servono per far lavorare bene una squadra ricca soprattutto di giovani determinati… Nel programma e nel mandato di cinque anni cercheremo di far combinare le idee, i sogni e i progetti; i sogni ci aiutano a tirar fuori le idee, però dobbiamo lavorare su un progetto”. Ha poi sottolineato quanto di buono fatto e l’ottimo stato in cui riceverebbe la guida del Comune. I  nomi della lista e il programma verranno svelati nei prossimi giorni, Crivellin ha fin da subito messo in pratica un suo obbiettivo, il confronto e il dialogo; ha così dato spazio a domande, critiche e considerazioni di pubblico e stampa, rispondendo a tutto con puntualità e sincerità, non mancando di ammettere mancanze e problematiche riscontrate nella maggioranza di cui fa parte.
Il Comune di Albairate è sicuramente, grazie anche ai contributi del centro di compostaggio, economicamente solido. Le “problematiche” più sentite, su cui i presenti hanno posto l’attenzione sono state: scarsa presenza di attività per i giovani e mancato coinvolgimento degli stessi nelle iniziative, anche politiche, locali; viabilità e collegamenti esterni; nuovo accordo con il centro di compostaggio e problematiche relative; confronto su associazionismo cittadino ed educazione civica e pulizia. Crivellin, rispondendo sulla prima questione dei giovani, pur non avendo presentato ancora candidati della sua lista e programma, ha assicurato che le loro scelte saranno (anche) ideate e pensate da giovani per i giovani, garantendo una lista “svecchiata”, ha detto: “ Sapete perché quello che abbiamo provato a fare per i ragazzi non ha funzionato? Perché l’avevamo organizzato noi e non loro…”. Discorso questo legato al tema dell’associazionismo, sul quale ammette ci sarà la volontà di andare a lavorare insieme, preannunciando tra le righe un organo che sia in grado di coordinare e far collaborare le varie associazioni locali e ascoltare nuove proposte.
Tema viabilità: Vivere Albairate lotterà e si impegnerà affinchè si possano migliorare i collegamenti con Milano, andando possibilmente ad intervenire decongestionando la strada di raccordo con il capoluogo, sarà presentato a chi di dovere un progetto alternativo a quello che pare sia preso in esame oggi dalla Regione.
Per quanto riguarda il centro di compostaggio ha confermato l’accordo da poco firmato con l’azienda, il quale consentirà loro di sviluppare e migliorare gli impianti e al comune di godere di introiti maggiori, il tutto con un costante e ferreo controllo sulla qualità del servizio e del suo impatto. Ha inoltre fatto i complimenti al sindaco Pioltini per “aver tenuto il punto” durante l’accordo con la direzione del centro e ricordato ai cittadini tutti gli strumenti che il Comune ha e metterà a disposizione per migliorare sempre di più la convivenza, rimarcando e condividendo con alcuni presenti il fatto che, questione principale, l’emissione di cattivi odori sia in costante miglioramento. Ultimo punto affrontato, sicurezza e pulizia. Crivellin, oltre aver ricordato la nuova illuminazione a led del Comune, ha anticipato il progetto di voler impiegare la sorveglianza privata negli orari notturni, utile non per sostituire le forze dell’ordine ma per supportarle. Sul tema della pulizia (ad Albairate come in molti Comuni il problema è sostanzialmente riconducibile alla maleducazione), Crivellin ha spronato i cittadini a denunciare e comunicare prontamente eventuali problematiche, assicurando inoltre che nel programma ci saranno novità e proposte in merito.
Flavio Crivellin, sollecitato da una domanda, ha concluso la conferenza con queste parole: “Il sogno è quello di trovare qualcuno che prenderà il testimone quando io avrò raggiunto il primo o secondo mandato; fare in modo che questo qualcuno erediti da me l’Amministrazione pulita come l’ho trovata io. L’ideale più alto è quindi quello di consegnare al mio successore il testimone perché lo porti avanti con quel simbolo e quei valori che oggi rappresentiamo”. Luca Cianflone

Views: 35