GAGGIANO – Anche quest’anno l’evento più atteso per i gaggianesi si è rivelato un successo oltre le aspettative con migliaia di persone che dalle 19 fino a notte inoltrata di sabato 21 luglio si sono diretti a Gaggiano dando un lustro diverso alla città. Eh si, perché Gaggiano non è una semplice cittadina “di passaggio” tra la città di provincia e la metropoli milanese, ma ha saputo ancora una volta rispendere, valorizzando al sua identità e mostrando di soddisfare la voglia di divertimenti di adulti, giovani e bambini. Dalla prima notte bianca, svoltasi nel 2010, ad oggi la “Notte Bianca” ha subito un crescendo di popolarità che spinge i commercianti ad impegnarsi sempre di più anno dopo anno nella preparazione della manifestazione. Un’organizzazione minuziosa che ha visto il perfetto equilibrio tra spazi della città, musica e street food. La Notte Bianca però è anche sinonimo di Festival di Food Truck, infatti, molteplici i “punti ristoro” collocati lungo il Naviglio tra cui l’immancabile stand di prodotti siciliani, cocktails e una vasta scelta di birre artigianali, imponente infine la presenza dell’onlus abbiatense “Amici del Sorriso” che, per tutta la serata, ha offerto un ampio menù comprendente la specialità dell’hamburger di struzzo. In una festa di questa portata però non poteva mancare un po’ di cultura e, infatti, presso la Biblioteca Comunale è stata allestita la mostra fotografica di Emanuele Viaro che esponeva le istantanee degli scorci più belli di Gaggiano. Come ogni anno i partecipanti hanno avuto la possibilità di navigare sul Naviglio grazie al servizio delle mini-crociere di “Navigare in Lombardia”, un’attività che rende ancora più unica Gaggiano, non tutti i paesi possono vantare la possibilità di offrire giri turistici sull’acqua (da poco anche Abbiategrasso).  Numerose le esibizioni musicali che hanno compreso: balli latino americani, la baby dance, cover band di musica anni ’70 e ’80 che hanno fatto divertire adulti e bambini mentre Gaggiano si trasformava in una discoteca all’aperto grazie al Dj Cele in Piazza della Repubblica, Dj Lino in Via Liberazione e Dj Snake presso il Parco Baronella dove ha fatto rivivere la musica dance anni ’80 e ’90. Infine presso Via Roma il ritorno della storica band milanese i “Soul Signorini”. I punti musicali erano accompagnati da numerosi spettacoli ed attrazioni, fino alle 23 infatti in Piazza Daccò si è perpetrato lo spettacolo di bolle giganti con scenografia dei Pirati dei Caraibi, esibizioni di flamenco e country fino al tanto atteso finale quando a mezzanotte inoltrata si è dato avvio allo spettacolo pirotecnico che, per più di dieci minuti, ha tenuto migliaia di teste incollate verso il cielo per ammirare il caleidoscopico gioco di colori che esplodevano nella notte. E chi non ha potuto essere presente, si è sentito comunque partecipe seguendo i diversi video in diretta

realizzati dai ragazzi che gestiscono il gruppo Facebook “Sei di Gaggiano se…” che hanno ottenuto molte visualizzazioni e like. Emozionante e suggestiva l’esibizione “…Luce sia” organizzata dalla neonata Pro Loco, che ha visto l’esecuzione proprio lungo il ponte che unisce la città di Gaggiano di quattro ballerine vestite con abiti illuminati di rosa e poi arcobaleno che si riflettevano sull’acqua del fiume. Non esisteva più degna conclusione per una serata speciale come quella della “Notte Bianca” di Gaggiano, da molti considerata, a ragione,  la “regina” della Notti Bianche. (Foto di A. Varieschi). I.S.

.

Views: 49