ABBIATEGRASSO – Nel  Consiglio di lunedì 16 novembre sono stati 9 in consiglieri a chiedere di usufruire dei minuti a disposizione fuori ordine del giorno. Di Giacomo (F.I) ha rivolto un appello alla maggioranza di cui fa parte perché vengano aiutate “imprese e famiglie, il Comune può rivedere le tariffe dei suoi servizi per  dare una boccata d’ossigeno ai cittadini”. Magnoni (Lega) per prima ha espresso cordoglio per la perdita di Salvatore Fugazzi, amica di famiglia ne ha elogiato “carattere e professionalità, il suo esserci per Abbiategrasso. Per lui il cliente era soprattutto una persona”. Cameroni (Pd) ha sollecitato l’amministrazione “a dare informazioni più chiare in merito ai dati riferibili al Covid e se ci sono problemi al Golgi e alla Rsa. Faccio presente anche che la campagna antinfluenzale quest’anno fa acqua da tutte le parti”. Ha poi denunciato che, pur non essendo più amministratore di sostegno, da quando non è più assessore riceve comunicazioni e dati sensibili come se lo fosse e ha definito “vergognoso” che non siano stati ancora elargiti dal Comune  i contributi per gli affitti. Serra (Gruppo Misto) ha fatto un appello al sindaco, a sostenere gli operatori sanitari. Ha ricordato che “il Cantù ospita 74 pazienti Covid in sub intensiva con polmoniti bilaterali. L’ospedale abbiatense è di grande supporto agli altri ospedali”. Piva (Lega) ha elogiato l’associazione dei Samaritani che grazie anche “a diversi ragazzi che hanno tra i 14 e i 25 anni danno una mano a preparare pacchi e aiuti agli indigenti”. Ha invitato a far pervenire, soprattutto per Natale, beni o una donazione al gruppo. Biglieri (Pd) ha parlato di tre temi diversi. Solidale con l’associazione MiMoAl ha sollecitato la Giunta a far pressione in Regione perché il raddoppio ferroviario venga inserito tra i progetti prioritari. Ha anche richiesto che vengano sospesi gli affitti e le spese alle associazioni che occupano spazi comunali. Ha inoltre proposto di inserire un altro punto all’ordine del giorno della serata, riguardante il parcheggio di piazza Cavour. Ha infine chiesto un minuto di silenzio per il recente lutto. Il presidente Tagliabue pur esprimendo le personali condoglianze, non lo ha concesso e ha ritenuto di dover continuare. Lovati (Nai sindaco) ha criticato pesantemente le scelte del governo che ha elargito “215 milioni di euro, prosciugati in poche ore in bonus di biciclette e monopattini. A chi sono andati questi milioni, visto che non c’era alcun limite Isee o di reddito? Soldi andati a chi aveva il dito più veloce… Un governo giallo-fucsia che fa come Robin Hood ma, al contrario, ruba ai poveri per dare ai ricchi. Questi milioni sono tolti alla fiscalità generale come regalia a chi non ne ha bisogno, serve una verifica nazionale…” Baietta (Nai sindaco) ha elogiato l’Educazione Civica, “materia introdotta nelle scuole nel 1958, tolta nel ’90 e reintrodotta da Anci (associazione dei Comuni), per 33 ore annuali per accrescere la consapevolezza di cittadini, per far apprendere diritti e doveri, i principi di legalità, il diritto alla salute, ruolo importante che spetta ai Comuni. Il senso di appartenenza a una comunità si costruisce a scuola”. Finiguerra (Cambiamo Abb.sso) ha innanzitutto riportato la segnalazione (smentita dal presidente Tagliabue) che da casa non risultava possibile seguire il Consiglio perché lo streaming non era attivo. Ha poi chiesto notizie sull’approvvigionamento dei vaccini che non risultano ancora a disposizione dei medici di base “una realtà oggettiva in un Paese che si sta preparando al vaccino Covid ma in Lombardia non c’è neanche quello antinfluenzale. In Lombardia  anche in grave ritardo il tracciamento. E abbiamo perso un sistema territoriale che si faceva carico dei problemi della città…” Gallotti (Lega) ha espresso le condoglianze alle famiglie Kluzer e Fugazzi. Ha poi chiesto come nel precedente Consiglio “un occhio di riguardo per le attività commerciali” e ha chiesto alla maggioranza di cui fa parte che “dia un sostegno economico. Ad Abbiategrasso non c’è più in giro nessuno, è stata fatta una cosa mediatica sbagliata. Oggi le 200 attività in centro rischiano di essere 50 a gennaio”. De Marchi (Cambiamo Abb.sso) ha ricordato che “oggi 16 novembre è la giornata della Tolleranza, la solidarietà è un antidoto all’odio”. E’ infine intervenuto il sindaco Nai che ha espresso anche  il proprio cordoglio per la perdita di Kluzer e Fugazzi, punti di riferimento in città. “Questa settimana cresce il contagio, come dappertutto, la città deve sentirsi unita e speriamo che con i sacrifici imposti si possa superare questo momento. Il Comune, per Commercio e Imprenditoria, farà la sua parte secondo le proprie possibilità. Per le associazioni ci stiamo attrezzando, per trovare tra le pieghe del bilancio, per dare una mano”.  (Foto d’archivio). E.G.

Views: 70