ABBIATEGRASSO – Nel tardo pomeriggio di mercoledì 3 aprile presso l’ex Sala Consiliare di piazza Marconi è stato presentato il neo-nato Ufficio Diritti Animali, che fungerà da luogo direttivo, normativo e informativo per le varie associazioni e privati che avranno a che fare con gli animali, specialmente gatti e cani. Grazie all’impegno dei volontari di diverse associazioni del territorio si proverà a completare un regolamento e una sorta di codice comportamentale per i padroni e i loro amici a quattro zampe, oltre a cercare di unire le forze per migliorare e aiutare le varie associazioni territoriali nelle loro attività di tutela e cura degli animali. Alla conferenza erano presenti i volontari dell’associazione “Diamoci una Zampa” Maddalena Luiso e Paolo Casati, tra i principali promotori dell’iniziativa, insieme a loro le autorità cittadine: i consiglieri comunali Marina Baietta, Barbara De Angeli e Flavio Lovati e il sindaco Cesare Nai.
I volontari di “Diamoci una Zampa” hanno spiegato su quali norme e abitudini si lavorerà, si sono già messi in moto sottoponendo agli addetti ai lavori un codice comportamentale che presto verrà presentato in Consiglio comunale; l’intento è di rendere i proprietari di animali da compagnia più informati e responsabili, consci dei loro diritti e dei loro doveri, andando ad incidere su quei comportamenti che spesso possono intaccare il quieto vivere e il rispetto della comunità. Quello che è stato sottolineato, ce n’è sempre bisogno, è che i comportamenti sbagliati di un animale sono sempre (o quasi) riconducibili a mancanze dei loro padroni, che siano problemi dovuti a guinzagli e museruole, o questioni di pulizia, “come c’è la persona che butta delle carte a terra, c’è senz’altro chi non si occupa, come invece dovrebbe, dei bisogni dei propri animali” hanno sintetizzato i promotori. Questi alcuni degli obbiettivi che l’UDA (Ufficio Diritti Animali)  si è prefissato: spingere per una maggiore collaborazione tra le varie associazioni, permettendo così un’assistenza maggiore a chi ne avesse bisogno; l’ampliamento delle aree animali e in seguito il progetto di censire tutti i cani presenti sul territorio e consentire ai padroni che non avessero munito di microchip i propri animali (è obbligatorio solo per i cani) di non incorrere in una multa ma permettere loro di mettersi in regola, in pratica “una specie di condono”  ironizzano i volontari.
“ L’UDA sarà a costo zero, è importante rimarcarlo, sarà composto da volontari e non intaccherà le casse del Comune” hanno spiegato i politici presenti; Barbara De Angeli ha poi concluso sottolineando il concetto che “pensare agli animali non significa togliere qualcosa alla gente, una cosa non esclude l’altra, anzi, spesso chi è abituato a prendersi cura degli animali sarà portato ad occuparsi di chi è in difficoltà”. Un primo risultato è stato ottenuto dai volontari, che hanno avuto in dono oltre 200 kg di cibo per gatti e cani dalla ditta Chemi-Vit, importante  impresa nel settore della nutrizione di animali domestici. Il regalo sarà distribuito tra le varie associazioni del territorio già in contatto con l’Uda e sarà utile per il sostentamento di cani e gatti accuditi dai volontari.
Un primo passo importante per un cammino insieme ai tanti animali domestici che riempiono la vita di migliaia di cittadini, con un occhio a regolamenti e norme di buona educazione e rispetto per tutti, animali e non. Sul sito del Comune di Abbiategrasso è presente un’icona riconoscibile (S.O.S. ANIMALI) tramite la quale è possibile accedere a tutte le informazioni utili inerenti l’Ufficio Diritti Animali. Luca Cianflone

Views: 0