“L’ultima trovata di questo governo di inetti a guida Conte è di abbasserà la soglia dei contanti. Io Andrea Pasini da giovane imprenditore di Trezzano Sul Naviglio non mi vergogno di esprimerle liberamente la mia opinione sul fatto che questa scelta se approvata comprometterà ancora di più la tragica situazione economica che sta colpendo il nostro Paese. è quanto afferma Andrea Pasini –  Sono più che contrario a questa ennesima sciocchezza proposta da questo governo di incapaci , anti italiani di estrema sinistra.  Innanzitutto è una questione di libertà individuale, nel momento in cui un cittadino è proprietario di una determinata somma deve essere nelle condizioni di poterne disporre nelle forme in cui ritiene più utile, più comodo e secondo il livello di privacy che stabilisce.

In secondo luogo, il contante è l’unico strumento di pagamento in concorrenza con la moneta elettronica. Se viene eliminato totalmente il contante oppure fortemente limitato gli istituti di credito avranno meno ostacoli a far pagare oneri più alti ai correntisti.

Inoltre il deposito obbligato dei propri risparmi in forme elettroniche favorisce il controllo da parte dello Stato dei movimenti economici e del patrimonio dei singoli cittadini e quindi agevola la possibilità di imporre prelievi forzosi a seconda delle esigenze delle casse statali.

La limitazione dell’uso al contante, per un Paese come il nostro che vive ad esempio anche di turismo, si è rivelata estremamente controproducente: infatti per ogni pagamento superiore alla soglia minima è necessaria da parte dell’esercente di un’attività commerciale l’obbligo di richiedere il passaporto al cliente estero, schedarlo e affrettarsi a versare il contante presso gli istituti di credito: sia generando un’inutile burocrazia per chi vive di turismo sia creando una diffidenza nei confronti dei clienti che preferiscono così spendere le proprie somme in altri Paesi. Ricordo per chi non lo sapesse che  nel resto d’Europa la soglia è di 10 mila euro per i contanti e non 2000 euro come proposto dal governo Giallo rosso a guida Conte.

La norma che aveva varato il Governo Monti abbassando la soglia del contante a mille euro non ha avuto in questi anni alcun impatto sulla lotta all’evasione che è nel frattempo cresciuta ma di fatto ha contribuito a rallentare la ripresa economica, in quanto ad esempio l’evaso più difficilmente poteva riemergere nell’economia tradizionale.

L’assoluta abolizione del contante e quindi l’imposizione dell’uso dei conti correnti per i circa 16 milioni di italiani attualmente sprovvisti sarebbe un vantaggio sicuro per lo Stato (che incasserebbe fino a 500 milioni di euro per le imposte di bollo) e per il sistema bancario che potrebbe contare su quasi due miliardi  di nuovi ricavi, dati dai costi di gestione dei conti correnti, ma non per i cittadini che dovrebbero sobbarcarsi di tali costi.

Solo uno Stato scorretto, illiberale ed oppressivo vuole la riduzione della circolazione del contante al fine di limitare la vita dei singoli individui, che trattati da sudditi dovranno pagare le inefficienze di un moloch parassitario. Questa è la verità! Questo governo al posto che dedicarsi a studiare progetti che possano far ripartire realmente l’economia pensano ad aumentare la Pressione fiscale, ad abolire il contante e ad opprimere ancora di più i cittadini di quanto già non lo siano. L’incapacità di amministrare l’Italia da parte dei rappresentati del Governo a guida Partito Democratico, 5 Stelle e Leu fa veramente rabbrividire.  Andrea Pasini “.

Views: 67