ABBIATENSE – Nel territorio dell’Abbiatense, Magentino, Corsichese e Ovest Milano un esempio concreto di come si sta cercando di superare le difficoltà legate all’emergenza Coronavirus lo sta dando la polisportiva Rugbio, che collabora e sostiene Fondazione Ticino Olona, promuovendo e cofinanziando il recupero di migliaia di mascherine da offrire a RSA, centri, associazioni, ricoveri che risultano sprovvisti. Alessandro Acito, presidente Rugbio e consigliere della Fondazione Ticino Olona, ha attivato la “macchina” di aiuti, diventati sempre più indispensabili. Ci racconta che circa due settimane fa, nell’incontro del Cda di Fondazione Ticino Olona, ha proposto con la collega Marina Mignone l’utilizzo di fondi di avanzo del Tavolo dei Minori per l’acquisto presso i produttori di materiale medicale DPI (dispositivi di protezione individuale), in particolare le mascherine. “Sono andato personalmente a Fidenza a ritirarle. – fa sapere – Inizialmente ne abbiamo distribuite 5.000 a RSA in tutto il territorio”, oltre a flaconi di gel disinfettante per far fronte all’emergenza. Si è capito da subito che il bisogno di mascherine in questi luoghi di degenza fosse enorme. Assistenti e OSS ne erano sprovvisti e rischiavano ogni giorno di infettare i pazienti, una situazione tragica, che in questi giorni a Milano come altrove in tutta la Regione sta venendo alla luce. Ma il lavoro di Acito non è finito qui. “Da mercoledì 8 aprile, sarà la stessa Rugbio, che ha acquistato una parte di mascherine e ha costituito un gruppo di acquisto solidale, a distribuire altre 3.000 mascherine presso associazioni, comunità-famiglia, realtà del sociale con cui siamo a contatto, al prezzo di un solo euro a mascherina, che copre il costo di acquisto da produttore e trasporto, e lascia un piccolo margine del 25% a Rugbio che lo utilizzerà per incrementare la raccolta fondi avviata dalla Fondazione Ticino Olona dedicata all’emergenza Covid-19”. Inoltre Rugbio destina gratuitamente una parte delle mascherine acquistate con il gruppo di acquisto a Comunità Famiglie, residenze per mamme in difficoltà e altri soggetti a rischio emarginazione sociale. Ora che le mascherine sono obbligatorie in Lombardia, questo servizio, che sta fornendo un realtà fiore all’occhiello del terzo settore nella nostra zona, è diventato più che mai prezioso. Ricordiamo che: Fondazione Ticino Olona, con il supporto e la collaborazione di numerosi stakeholder locali, lancia una raccolta di donazioni a sostegno delle persone anziane o disabili e dei soggetti che svolgono servizi a loro favore con la costituzione del FONDO EMERGENZA COVID-19. Il Fondo è dotato di un plafond iniziale di 65.000 euro e sosterrà iniziative individuate con un bando ad hoc secondo un ordine di priorità dettato dalla contingenza. Chiunque – persona fisica o giuridica – può dare il proprio contributo e sostenere il Fondo Emergenza Covid-19 con una donazione di qualsiasi entità. La Fondazione e i suoi partner opereranno come sempre con criteri di massima trasparenza, provvedendo a tenere costantemente aggiornata la Comunità sull’andamento della raccolta e sulla destinazione dei contributi. La Fondazione Ticino Olona è una ONLUS: le donazioni effettuate a suo favore, quindi, sono esenti da imposte e godono dei vantaggi fiscali riservati a tale categoria. Per maggiori informazioni: www.fondazioneticinoolona.it/diventadonatore. Per ulteriori dettagli, è possibile scrivere a info@fondazioneticinoolona.it (indicare un recapito telefonico se si desidera essere ricontattati telefonicamente). Per aiutare: Bonifico bancario sul c/c intestato a Fondazione Comunitaria del Ticino Olona Onlus BANCO BPM. Codice IBAN:IT64X0503420211000000008000.

Causale: EMERGENZA COVID-19. S.O.

 

Views: 289