ABBIATENSE – Ci hanno contattato “lettori  online” che abitano in altri Comuni per raccontarci e confrontare modalità diverse messe in atto per affrontare l’emergenza. Sta facendo molto discutere sia la distribuzione di mascherine che dei buoni spesa. A Marcallo ci segnalano che il sindaco Marina Roma, oltre a coinvolgere i cinque negozi presenti, ha contattato i supermercati più vicini e per esempio l’Esselunga di Corbetta ha accettato di effettuare il servizio proposto aggiungendo un 15%  gratuito ad ogni spesa. Nello stesso Comune si è deciso di aprire il cimitero su appuntamento, per evitare assembramenti ma permettere anche di trovare conforto nella visita ai propri cari. A Magenta invece per quanto riguarda i buoni spesa, informano che è stata offerta a tutti i commercianti la possibilità di accreditarsi se in possesso dei requisiti richiesti. Critiche e consigli riguardano soprattutto la distribuzione delle mascherine, “Mentre in altri Comuni sono state consegnate a domicilio tramite volontari o messe nella cassetta della posta – afferma M.B. – ad Abbiategrasso sono state affidate, circa un centinaio ciascuno, a farmacie, negozi di vicinato, terminate in poche ore, costringono a girare la città mentre ci dicono di restare a casa”. E.G.

Views: 40